1

il latte della mamma

L’allattamento di Livia non è andato bene, dall’inizip. Forse ero troppo sicura di me, non pensavo potessero esserci problemi. Agli ultimi controlli però Livia era molto sottopeso, in 4 mesi era aumentata meno di due kg. 

Ho pianto, ho dato un biberon di artificiale, ho contattato una ostetrica e ho letto e riletto il sito della Leche Legue.

La pediatra intanto, a cui mi ero mostrata tranquilla e sicura, le ha diagnosticato il reflusso. Io però lo sapevo, non avevo più latte. E così ho preso una decisione. Quella che faceva stare meglio me, che mi restituiva la tranquillità, e che non è uguale per tutte. 

Ho scelto di toglierle il ciuccio, tenermela aaddosso il più possibile, allattarla ad oltranza, litigarci affinché si attaccasse bene. e il latte è tornato. In 10 giorni ha preso quello che aveva preso in un mese. 

Pubblicità
3

La storia si ripete

La storia in questione è la seguente.

Partorisci. In corridoio incontri mamme dalle tette mastodontiche che se le massaggiano doloranti. Nel nido, bambini nati dopo il tuo, che ciucciano e ingrassano a vista d’occhio.

Arriva il giorno in cui dovresti tornare a casa. E sbam.

La tua bambina è calata troppo, le tue tette sono ancora vuote, non vai a casa. Stai qui finché non ci dimostri di saper nutrire tua figlia.

il pediatra prescrive dell’artificiale. Adesso anche il cibo viene prescritto, lo sapevate? Glielo danno, mentre tu cerchi di spremere una goccia con il tiralatte. Niente. 

Torni in camera con una bambina in stato comatoso da latte, con le tue dimissioni pronte, con la valigia già fatta. 

Mandi giù il pensiero che avevi cullato, di esser dimessa in tempo per andare a prendere Maite all’asilo e farle una sorpresa. Quanto mi manca. 

Mandi giù che ancora una volta ti facciano sentire inadatta perché non sono stata in grado di farla crescere. E io lo so che il latte mi viene dopo qualche giorno, ma la sensazione resta.

Mandi giù l’ennesimo pranzo da ospedale. 

Mandi giù che facciano passare l’allattamento come una cosa complicata, quando non lo è.